contattaci: cigarblog1@gmail.com
il contenuto del blog è rivolto a fumatori maggiorenni e consapevoli, che vogliono condividere la cultura legata al mondo del sigaro, non si vuole in alcun modo promuovere l'uso di tabacco. Si ricorda che in ogni sua forma, IL FUMO NUOCE GRAVEMENTE ALLA SALUTE

10 novembre 2016

Umidità perfetta con Boveda, e si possono anche rigenerare!

Se avete degli humidor di dimensioni piccole o medie (fino alle vetrinette di altezza sotto il metro e mezzo), probabilmente utilizzerete, salvo qualche raro caso, un metodo di umidificazione statico. C'è chi utilizza la spugnetta in dotazione con l'humidor, e chi si attrezza con soluzioni più moderne, come i beads o, appunto i Boveda Pack. Il prodotto non viene ancora commercializzato in italia, ma lo sarà a breve.  Boveda, è un'azienda leader mondiale nei regolatori di umidità a due vie, non solo per la conservazione del tabacco ma anche per l'alimentare, il legno, i medicinali, i dispositivi elettronici, etc, ed è senza ombra di dubbio quella che possiede la tecnologia più precisa ed avanzata anche per la regolazione statica dell'umidità nel contesto sigarofilo.
Chi ha utilizzato diversi sistemi in passato sa che i Boveda Pack sono altrettanto precisi, ma più rapidi rispetto ai beads nel regolare l'umidità, e che il costo è comparabile se non addirittura più basso rispetto ai polimeri.
I packs utilizzabili per i sigari sono sostanzialmente di 3 o 4 tipi, principalmente si utilizzano quelli che regolano l'umidità al 69% ed al 75%, ma in alcuni casi si possono utilizzare
anche quelli al 62% o all'84%. Chi vi scrive, ad esempio, utilizza il boveda pack 62% nel travel humidor durante il periodo estivo, con le alte temperature in un ambiente a tenuta stagna infatti, è opportuno abbassare l'umidità per quanto possibile, onde evitare eccessi di umettamento del tabacco e rischi di muffe o spaccature della capa. Quelli all'84% vengono usati invece da chi predilige i sigari più umidi in fumata.

Ma non è finita qui, i Boveda si possono anche rigenerare! il processo è piuttosto semplice, e relativamente veloce. Quando i packs sono secchi (inizialmente hanno una consistenza interna a metà tra un liquido e un gel) Basta prendere un contenitore ermetico tipo tupperware, sistemare al centro un contenitore più piccolo e più basso, riempirlo fino a metà di acqua demineralizzata (va benissimo quella del supermercato, per i ferri da stiro), sistemare ai lati del contenitore piccolo i Boveda, chiudere il contenitore grande e lasciarlo chiuso per 1-2 settimane (il tempo dipende dalle dimensioni del contenitore più piccolo e dal numero di packs da ricaricare). Una volta rigenerati i boveda torneranno alla loro consistenza originale, e saranno nuovamente pronti a regolare l'umidità del vostro humitor alla perfezione!
Tabella delle quantità di packs da utilizzare
dal sito Boveda, packs da 60 grammi
le quantità possono essere ridotte rispetto a
quanto indicato (vedere testo dell'articolo)
In merito alla quantità da utilizzare, Boveda indica un pack da 60 grammi ogni 25 sigari di capienza per gli humidor in legno, mentre per quelli in plastica (o altri materiali a tenuta più stagna) le quantità sono notevolmente ridotte. Da prove effettuate, possiamo dire che ragionevolmente un Pack da 60 grammi può supportare 35-40 sigari se si dispone di un buon humidor. Se avete una giara o un contenitore a tenuta stagna come un travel humidor, consigliamo un pack da 8 grammi ogni 25 sigari.
Che aspettate dunque, acquistateli (potete trovarli su e-bay o su amazon, o tra poco nelle tabaccherie specializzate), e ricordate di comprarne qualcuno in più, in modo da poterli ruotare, mentre ricaricate quelli esauriti. Il costo non è assolutamente proibitivo, e mette al sicuro i vostri sigari da sbalzi di umidità indesiderati.

2 commenti:

  1. Salve, sono nuovo del blog, posso mettere un boveda da 8gr in una giara di vetro contenente poco più di dieci sigari???? come si conservano con questo metodo? Sono un neofita e prima di spendere soldi per humidor voglio farmi prima le ossa in questa bellissima passione.
    Fumo principalmente Kentucky italiano e i sigari del nostrano del brenta, e so che vanno in due vasi separati.
    Aiutatemi a capire .
    Grazie in anticipo

    RispondiElimina
  2. Salve mi chiamo Leandro sono nuovo del blog e sinceramente io ho comprato su Amazon le boveda a 84% di umidità e ne ho comprate un paio per metterle dentro un piccolo humidor anche aveva la forma della del di una scatola e dove comunque ci tengo più che altro i sigari toscani purtroppo gestire l'umidità anche in questa piccola scatola mi è abbastanza difficile perché nonostante che io abbia messo il dispositivo a cristalli che si gonfiano con l'acqua per inumidire il humidor e addirittura che tenga una piccola faccina da caffè riempita per metà di acqua distillata E nonostante tutto questo le due bustine di boveda che io avevo messo ai lati del del humidor mi si sono seccate. Adesso ho un humidor più grande sempre della germanos fatto a vetrinetta con 45 cassettini per cui non so se mi convenga ancora comprare il questo sistema boveda per per aiutare l'umidità del del humidor punto l'ho comprato e mi è arrivato ieri e praticamente ho già predisposto alle bacchettini piene di cristalli nei vari scomparti Ovviamente le ho idratate con l'acqua distillata e poi per aumentare diciamo assilla all'umidità essendo mi avanzato un cassettino ho messo una piccola bacinella con dentro una spugna che è bagnata da una miscela in parti uguali di acqua distillata e glicole propilenico perché gli vuole propilenico ha proprietà antibatteriche e inoltre è un agente umettante tant'è che viene usato addirittura nell'industria della pasticceria per mantenere per esempio umidi dolci tipo muffin o plumcake. Per ora sto a questa maniera e voglio vedere in tutta questa settimana che cosa succede. Ho provato a tarare l'igrometro con il panno bagnato e ho visto che non aveva bisogno di taratura perché insomma era già pronto. Vediamo un po' Come si evolve durante la settimana tutto questo. Magari datemi una vostra opinione

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...