contattaci: cigarblog1@gmail.com
il contenuto del blog è rivolto a fumatori maggiorenni e consapevoli, che vogliono condividere la cultura legata al mondo del sigaro, non si vuole in alcun modo promuovere l'uso di tabacco. Si ricorda che in ogni sua forma, IL FUMO NUOCE GRAVEMENTE ALLA SALUTE

12 luglio 2014

Listino Italiano: I migliori sigari tra i 3 e i 6 euro

Dopo aver trattato i sigari "entry level" ci addentriamo oggi nella fascia di prezzo tra i 3 ed i 6 euro, dove si iniziano a trovare sigari di qualità più elevata, fatti a mano di pregio per quanto riguarda i toscani et similia, e long filler per quanto riguarda il panorama caraibico.
Partendo come di consueto dai toscani, troviamo l'Originale Selected e il Presidente, quest'ultimo considerato il top di gamma degli ammezzati. A differenza della fascia di prezzo inferiore, in questa manca nel panorama toscano un sigaro
"mild" di alta qualità, ci si può però rivolgere al Doge, Nostrano del Brenta, che pur con caratteristiche diverse rispetto allo stortignaccolo, supplisce a questa mancanza in maniera discreta. Restando sui sigari di kentucky, ma scorrendo la gamma Amazon, entra in questa lista a pieno titolo il sigaro che forse esprime meglio la qualità del tabacco usato da questo marchio, ovvero l'Arabesque, un piccolo formato di tipo avana (a testa chiusa e piede aperto), che riesce a conferire estremo equilibrio al tabacco di qualità usato nella produzione.
Spostandoci a Cuba, questa fascia di prezzo offre discreta possibilità di scelta tra sigari di media qualità con formati più importanti, e piccoli formati di qualità più elevata. Ovviamente, parlando di Habanos, questa fascia di prezzo, assieme alle successive, fino ai 15-20 euro, annovera la maggior parte del vitolario, ed avendo scelto di fare un prescreening del listino limitato a soli 200 sigari, parleremo unicamente di quelli che raggiungono il miglior rapporto Q/P nelle rispettive fasce. Partendo dagli short filler, senz'altro va nominato il Quintero Brevas, un medio formato abbastanza simile alla Corona (è un Nacionales - 140x41) che permette di esprimere in maniera discreta la qualità del tabacco cubano. Si passa poi ai long filler, e sicuramente l'ingresso in questa gamma di prodotto non può che essere rappresentato da Fonseca, in particolare dal Kadetes che è un ottimo sigaro da aperitivo, o per un intermezzo pomeridiano leggero ed aromatico. Salendo di un gradino, sia in termini qualitativi che di forza, troviamo il Montecarlo di Por Larranaga, e la Perla di Rafael Gonzalez, quest'ultima vitola è sicuramente una delle più azzeccate new entry degli ultimi anni, nonchè un'eccellente chiave interpretativa di  piccolo formato cubano. Parlando di novità ben studiate, non si può dimenticare nemmeno l'Half Corona di H.Upmann, probabilmente uno dei migliori rapporti Q/P del panorama Habanos per quanto riguarda i "piccolini". Restando nei brand di rilievo del panorama cubano, è degno di menzione anche il Mille Fleurs di Partagàs, marchio di riferimento per molti aficionados.
Passando ai caraibici non cubani la scelta comincia a farsi ampia ed interessante. Si parte da marche entry level come Villa Zamorano, che offre un churchill a 5,20 euro,  Leòn Jimenes, nei suoi formati Robusto, e n.4 nella versione Maduro (reperiti da chi vi scrive all'estero, ma a listino anche in Italia), e la piramide de La Finca, il cui particolare formato conico la assimila a un grosso toscano ammezzato. Salendo di qualità si arriva ai medio-grandi formati di Joya de Nicaragua come il Toro ed il Torpedo della linea classica, ma anche il Robusto Grande della linea Antano 1970, che esprime già un livello qualitativo medio-alto. Da citare anche il Robusto ed il Petit lancero della linea Criollo di Cicero, ottimi nicaraguensi premium di primo prezzo. Presente anche in questa fascia El Credito, con il Torpedo n.2 nella versione Maduro, un dominicano con ambizioni quasi nicaraguensi nel gusto.  
Il gruppo Maya Selva è presente anche con le due marche di qualità superiore (oltre a Villa Zamorano), vanno infatti citati in questa fascia di prezzo anche il Flor de Selva Siesta e il Cumpay Shorts, che offrono rispettivamente una fumata più leggera ed aromatica, e una più corposa e decisa. Nel vasto (e a volte dispersivo) vitolario Macanudo, in questa fascia di prezzo è degno di menzione il Duke Of Devon (anche questo reperito all'estero da chi vi scrive). Decisamente invitante la scelta tra i figurados e doble figurados della linea Reserve di Perdomo, nicaraguense, avvolta in belle capas Ecuador Rosado, le vitolas no.1, no.2 e no.3, offrono fumate interessanti a prezzi contenuti.
Prima di passare ai "grandi nomi" che già offrono prodotti di alta qualità a partire da prezzi relativamente contenuti, bisogna menzionare le linee Classic e Gran Reserva di Puro Inka, purtroppo ancora in standby per ragioni logistiche, ma già a listino, che visti i presupposti della linea tripa corta, saranno in grado di proporre premium peruviani di qualità sul panorama italiano.
Ma passiamo ora ai "must" del panorama caraibico, presenti in questa fascia di prezzo, e come presagibile è il Nicaragua a primeggiare, partendo dal Petit Corona Nicaraguan Selection di Carlos Torano (made in honduras ma con tabacchi nicaraguensi, ancora a listino anche se va verificata l'effettiva disponibilità) per arrivare a tre grandi marche come Oliva, Nicarao e Tatuaje, che non hanno bisogno di presentazioni tra gli aficionados che si rivolgono al mercato caraibico non cubano. Già dalla fascia economica medio-bassa possiamo quindi iniziare ad esplorare sigari di tutto rispetto.
Partendo da Oliva, in questa fascia è possibile assaggiare sia la serie G (cigarblog vi consiglia il belicoso), che la serie O (con il n.4). Anche per Tatuaje, entrambe le linee disponibili a listino sono disponibili a prezzi contenuti, per i piccoli formati, il Petit Cazadores per la linea Cabinet, e l'Angeles per la Serie H. Di Nicarao è invece disponibile solo la versione Classic, entro i 6 euro, ma il Minuto e il Gordito danno già un'idea della qualità complessiva del brand, che si esprime ovviamente al massimo nella sua linea di punta. Alta gamma anche per la marca Winston Churchill, nell'orbita Davidoff, che propone lo Spitfire e il Lancaster a prezzi abbordabili e in petacas da 4 accessibili per tutte le tasche.

NON PERDERE IL RESTO DELLA GUIDA:
Sigari al meno di 3 euro
Sigari da 3 a 6 euro (pagina corrente)
Sigari da 6 a 10 euro
Sigari da 10 a 15 euro
Sigari da 15 a 25 euro
Sigari oltre i 25 euro

3 commenti:

  1. In tutte le tabaccherie specializzate

    RispondiElimina
  2. Dating for everyone is here: ❤❤❤ Link 1 ❤❤❤


    Direct sexchat: ❤❤❤ Link 2 ❤❤❤

    uI..

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...