contattaci: cigarblog1@gmail.com
il contenuto del blog è rivolto a fumatori maggiorenni e consapevoli, che vogliono condividere la cultura legata al mondo del sigaro, non si vuole in alcun modo promuovere l'uso di tabacco. Si ricorda che in ogni sua forma, IL FUMO NUOCE GRAVEMENTE ALLA SALUTE

27 luglio 2016

Mombacho lancia il nuovo packaging, presto anche in Italia. Cigar blog fa una panoramica sul marchio

E' di qualche giorno fa la notizia, apparsa sui principali canali fumolentisti americani: Mombacho ha svelato lo stile del nuovo packaging, che verrà utilizzato per il marchio, su tutti i mercati in cui è distribuito.
Tutti i sigari prodotti da Mombacho Cigars SA avranno packaging simile, per uniformare e fidelizzare il consumatore, verso il brand, anche sotto il profilo dell'impatto visivo.

In riferimento al mercato italiano, sono stati lanciati poco tempo fa alcuni nuovi prodotti, sia sotto il marchio Mombacho, che Liga Maestro (l'azienda produce anche il custom brand Noli, per l'omonima tabaccheria di Milano, che ovviamente non rientra sotto il profilo visivo, nel restyling dei box e del labeling). Su Liga Maestro in particolare, non si sono fatte attendere le reazioni, positive e negative, apparse sui social e sui canali frequentati dagli aficionados.
Noi di Cigar Blog abbiamo preferito

21 luglio 2016

News nel mondo degli accessori per fumatori: Joint venture tra Xikar e Boveda

Di recente il gruppo Xikar ha annunciato un accordo di fornitura a lungo termine con Boveda, che fornirà al nuovo partner i suoi sistemi di controllo dell'umidità a due vie, cormai noti a tutti gli aficionados. Boveda ha ottenuto, grazie al suo brevetto, diversi riconoscimenti sul piano internazionale.
In particolare Xikar metterà a disposizione la sua rete di vendita anche per ampliare la rete distributiva della stessa Boveda, e formare la clientela sull'utilizzo dei sistemi umidificanti.
Secondo Kurt Van Keppel, presidente della società, per Xikar, che nasce come azienda produttrice di cutter ed accendini, ma che poi ha ampliato la sua gamma aggiungendo anche humidor, l'utilizzo dei sistemi umidificanti a due vie è un passo necessario per continuare a fornire ai propri clienti prodotti di qualità ed all'avanguardia. Vista l'ottima reputazione di Boveda in questo campo, la scelta è stata quella di un accordo a lungo termine, per la fornitura dei sistemi Boveda con "private labeling" per Xikar.
Conoscendo la qualità delle due aziende, non possiamo che essere fiduciosi nell'attendere sul mercato i prodotti della "sintesi" tra i due marchi.

15 luglio 2016

Sigari dai paesi "minori": Perù

Il Perù è un paese che fino a pochi anni fa era scarsamente conosciuto come produttore di sigari, benchè sia, ormai da tempo, un ottimo produttore ed esportatore di foglie da sigaro. Produce infatti varietà avanensi, che entrano nei blend di diverse marche di sigari, alcune anche molto conosciute, eanche una certa quota di tabacco kentucky.
Da alcuni anni a questa parte, si è però sviluppata anche una vera e propria tradizione manufatturiera, concentrata soprattutto nella zona di tarapoto, dove per altro gli italiani sono parecchio attivi in questo business.
Ma veniamo ai sigari; mentre per alcuni degli altri paesi minori non troveremo esempi specifici sul mercato italiano (ricordiamo sempre che parliamo di sigari, puri o blended, rollati NEI paesi minori, e non di foglie utilizzate nei blend di sigari prodotti in altri paesi), per il Perù abbiamo alcuni esempi di prodotti reperibili anche nel nostro paese.
Eccettuando Amazon, che tutti conosciamo come il referente di alta qualità per il sigaro di Kentucky, che viene, sì, rollato in Pérù, ma che definire un prodotto peruviano sarebbe azzardato, poichè sia la materia prima, che le varie fasi della filiera, sono concepite sul Kentucky Fire Cured, benchè la manifattura, con questo tipo di tabacco, non produca solo tronco- o bitroncoconici "all'italiana" ma anche parejos di stile caraibico.
Le due marche peruviane che conosciamo in Italia sono

05 luglio 2016

Partagas Anejado Corona Gorda: Un grande Habano

Il quarto sigaro della linea Anejado di Habanos, dopo il Montecristo Churchill, il Romeo y Julieta Piramide e l'Hoyo de Monterrey Hermoso, è forse il migliore di questa linea di produzione.
Non che gli altri fossero sigari scadenti, la linea anejado è infatti caratterizzata da sigari, i cui formati non sono nel vitolario standard del marchio di riferimento, invecchiati per almeno 5 anni (n.b. si parla di invecchiamento minimo del sigaro rollato, e non dei tabacchi pre-torcida, come invece avviene per le Edizioni Limitate, Reserva e Gran Reserva). L'invecchiamento in condizioni ottimali, conferisce sicuramente ai prodotti una maggiore complessità aromatica, attenuando le asperità che si possono riscontrare nei sigari meno invecchiati.
Tutti sigari, quindi, di buona qualità, ma il nuovo Partagàs Anejado Corona Gorda (143x46), è veramente un prodotto, ad avviso di chi vi scrive, superlativo. Ad oggi ho potuto fumare due esemplari di questo prodotto, ma il livello riscontrato è sempre lo stesso. Per altro una delle fumate è stata condivisa

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...