contattaci: cigarblog1@gmail.com
il contenuto del blog è rivolto a fumatori maggiorenni e consapevoli, che vogliono condividere la cultura legata al mondo del sigaro, non si vuole in alcun modo promuovere l'uso di tabacco. Si ricorda che in ogni sua forma, IL FUMO NUOCE GRAVEMENTE ALLA SALUTE

20 luglio 2011

Il Sigaro e i suoi formati


L’aspetto esteriore, modulo o formato è quella caratteristica del sigaro che determina la sua forma, lunghezza e diametro a prescindere dalla fabbrica di produzione o dalla marca.
Attualmente a Cuba sono registrati circa 950 formati, 240 dei quali sono in uso divisi per 33 marche, che variano dai formati piu piccoli (intorno ai 6/7 cm) fino a quelli giganti (23 cm circa). 
La misura standard dell’industria per il diametro prende il nome di “cepo” che è la 64° parte del pollice.
A Cuba le misure dei sigari si chiamano “vitolas”. La Vitola de galera è il termine che indica le misure di un sigaro (es. Robusto)a prescindere dalla fabbrica produttrice o dalla marca che lo commercializza; la Vitola de Salida è il nome che si trova nella scatola,in pratica il nome con il quale il sigaro viene commercializzato.  Ad esempio la vitola de galera Robusto 124mmx50 potrà chiamarsi “Epicure No.2”(vitola de salida) nella fabbrica di Hoyo de Monterrey , e “Specially Selected” nella fabbrica di Ramon Allones.
Una distinzione basilare, viene fatta tra i parejos e i figurados, dove per parejos si intendono quei sigari che hanno una forma lineare con i due lati simmetrici e per figurados, i sigari con simmetria irregolare, forme con  particolari caratteristiche per ogni modulo, possono avere testa e capo aperti o chiusi, possono essere a punta o arrotondati, insomma è un mondo a se stante ma molto affascinante.
Tra i parejos ci sono i formati più fumati dagli aficionados:
CoronaQuesto formato è il riferimento su cui tutti i sigari vengono misurati. Le dimensioni sono 142mmx16.67mm di diametro(cepo 42) e offrono 50/60 minuti abbondanti di piacevole fumata. Tra i corona troviamo il No.3 di Montecristo e  Le Hoy du Roi di Hoyo de Monterrey.
Petit Corona – Come il nome lascia intendere si tratta di sigaro più piccolo del precedente 129mmx16.67mm di diametro (cepo 42), tra gli altri troviamo i Regalias di H.Upmann e i Mille Fleur di Partagas.
Marevas -  Il formato più venduto al mondo, quello del Montecristo n.4 e del Siglo II di Cohiba, misura 129mm per un diametro di 16.67 (cepo 42). Il tempo di fumata è di 50 minuti circa.
Robusto – Misura 124mmx19,84mm (cepo 50) tra cui il Partagas serie D no.4 e il Robustos di Cohiba, si tratta di una delle prime scelte per molti aficionados, gusto pieno e racchiuso in buon calibro che in circa 60 minuti, offre ottime sensazioni ai fumatori già sperimentati.
Invece tra i figurados principali possiamo trovare:
Piramides – Un formato molto affascinante alla vista, calibro grosso che misura 156mmx20.64mm(cepo 52) e annovera pezzi pregiatissimi tra i quali il Robaina Unicos e il Montecristo No.2 , molti pensano che la speciale forma offra vantaggi di combustione che comunque non è mai sotto l’ora e un quarto
Campanas – Simile ad un Piramides per un inesperto. Pur mantenendo lo stesso cepo 52, ha una lunghezza minore (140mm). Una fumata bella e accattivante di poco meno di un ora, un modulo per intenditori. In questo formato ritroviamo l’ottimo Belicosos Finos di Bolivar e il Belicosos di Sancho Panza.
Culebra -  Famoso il culebra di Partagas, letteralmente “serpente” in spagnolo, consiste in 3 pezzi attorcigliati tra loro,lunghi e sottili, testa a punta e separata e si fumano uno alla volta, la misura è 14.6mmx15.48 di diametro (cepo 39).

5 commenti:

  1. Articolo interessante davvero
    Per diversi motivi:
    In primis perchè richiama quegli elementi basilari e i tecnicismi di base che un fumatore "esperto" tende a mettere un po nel dimenticatoio, credendo di aver capito tutto nella vita. A chi di noi verrebbe in mente di chiedere: "scusi che vitola de galera ha questo puro?". Inoltre la misurazione in 64° di pollice (la cd medida de pulgada) ormai non la utilizza nessuno, ci sono quelle in cm; eppure saper trasformare un cepo 42, 50, ecc in cm rappresenta anch'esso uno dei piaceri pre-fumata o pre-catalogazione in humidor. Insomma questo articolo è interessante perchè ci permette di ripassare degli argomenti di base.
    In secindis, questo argomento è interessante perchè rappresenta nella evoluzione delle nostre chiacchierate un punto zero! Sono proprio questi spunti che permettono ad un neofita di poter imparare stando in un gruppo,
    non di stare invece alla finestra a dire (lo faccio nella lingua di Cristian):"boo, io me stavo a fumà il mio "Garibbardi", l'antri parlavano de cepo de capocce, ma che cazzo stavano a ddì!".
    Ciò che voglio dire, in conclusione, è che si potrebbero organizzare on line delle piccole lezioni di ripasso periodicamente, per gli scopi di cui sopra.
    Ciao

    RispondiElimina
  2. scusate un cepo a quanti cm di diametro corrisponde?

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. scusate un cepo a quanti cm di diametro corrisponde?

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...